camilla-appena-presa-al-caniledopo-intervento-2Buongiorno, a distanza di quasi tre anni dall'adozione di Camilla al canile Rifugio di Torino, vorrei inviare anch'io una letterina, ringraziando ancora tutte le persone che ci mettono anima e corpo dietro a questi esseri pieni d'amore.
Ciao a tutti, Miriam e Isa.
Lei si chiama “Camilla” ed è approdata nella sua nuova casa per pura coincidenza dopo la morte del precedente cane, quando tutti diciamo “basta, mai più cani, si soffre troppo”, poi passa qualche tempo, visiti il sito del canile più vicino a te e da una vecchia foto di un cane in “giacenza” lì ormai da anni, ritrovi molti aspetti simili a quello che non hai più, così decidi di andarla a vedere, ma solo a vedere eh!!! Probabilmente nata nel 2003, certamente nel canile dal 2005, finalmente a novembre 2011 qualcuno si è interessato a Lei.

Era così felice ed incredula la segretaria del canile, era così agitata Camilla. Si è presentata con il pelo arruffato, i denti un po' malconci, e senza un occhio, proprio così, le era stato asportato per un trauma avvenuto lì nel rifugio qualche anno prima. Che tenerezza! È stato proprio quell'occhio che le mancava a farci innamorare di lei.
I primi mesi sono stati eccezionali, ha scoperto e riscoperto un sacco di cose, la comodità di una cuccia tutta sua, ossicini da sgranocchiare, coccole e passeggiate a volontà, ma poi... arriva giugno e lì un'altra tragedia.... durante un giretto al parco, improvvisamente le si annebbia l'unico occhietto rimasto... trafila di veterinari, professori oculistici, neurologi, tutto questo nel tempo più breve possibile per riuscire a salvare l'unica fonte di luce che le era rimasta, ma purtroppo niente da fare, un tumore maligno si è portato via anche l'altro occhietto, asportato in pochi giorni. Ora, sono quasi due anni di buio totale...
Ha tanta dignità, vede con il suo naso, poco con le orecchie perchè ne ha uno un po' debole, ama fare le passeggiate anche se predilige i soliti giri perchè si sente più sicura, comanda lei e per gli ostacoli basta un piccolo tocco al guinzaglio e capisce che deve alzare la zampa, mentre al parco quando è libera senza guinzaglio, è sufficiente pronunciare “attenta” e lei svolta a dx o a sx a suo piacere, ma l'ostacolo è evitato. Per le piccole gite fuori porta, quando utilizziamo l'auto, ci è stata costruita da un amico una pedana in legno con i ripari laterali affinchè non si sbilanci durante la salita. Insomma, Camilla è un cane speciale in tutti i sensi, ci ha arricchito molto come qualsiasi scelta di cuore sa fare, proprio per questo è bene ricordare che ci sono altri pelosetti che aspettano una faccia amica in canile.

© 2017 adottauncane.net - Questo sito è dedicato a Tina, Bella e Arturo