Anche i quattrozampe possono ormai fare visita ai propri umani ricoverati in ospedale!

Ecco una mappa del pet-visiting  in Italia.

nonnaNel Lazio è stato recentemente emanato un decreto che consente e disciplina l’accesso degli amici a quattro zampe ai pazienti di strutture sanitarie e ospedaliere, pubbliche e private.

La Lombardia ha adottato una normativa simile già nel 2016, che è stata recepita dalla maggioranza delle aziende sanitarie e che vale anche per le case di riposo.

In Umbria, l’ingresso di cani e gatti nelle strutture ospedaliere è disciplinato da un regolamento e avviene in aree riservate.

In Toscana, fin dal 2014, sono molte le realtà sanitarie che consentono queste ‘visite speciali’.

In Puglia il primo progetto di questo genere è stato realizzato all’Hospice Universo Salute – Don Uva di Bisceglie (BA).

In Liguria, all’ospedale Gaslini di Genova cani e gatti possono entrare nel reparto di Neuropsichiatria infantile per dare sollievo ai piccoli degenti.

Vi sono poi casi di animali molto speciali, arruolati a sostegno dei pazienti, soprattutto bambini: il reparto pediatrico dell’Ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze ha aperto le porte al cane Serena, un Basset hound che, due volte al mese, va a trovare i bambini ricoverati e in particolare i piccoli che sono stati sottoposti a interventi di tonsillectomia e adenoidectomia. Serena li accompagna in sala operatoria e soprattutto li aspetta al loro ritorno o al loro risveglio. I bimbi hanno così la possibilità di distrarsi e passare in compagnia del cane le ore in attesa o dopo l’intervento.

 

9788825517873Trovate tutto questo, e molto di più, sul libro: Guida al ricovero in ospedale:
https://www.libreriauniversitaria.it/guida-ricovero-ospedale-consigli-operativi/libro/9788825517873

 

Il volume si presenta come una vera e propria guida rivolta principalmente ai pazienti e ai caregiver (coloro che si prendono cura e offrono assistenza al malato), con lo scopo di rendere consapevoli i protagonisti del ricovero ospedaliero riguardo ai molteplici aspetti a esso correlati.
L'opera è divisa in quattro macro-sezioni: la prima è incentrata su questioni preliminari, prima fra tutte quella relativa ai diritti e ai doveri del malato;
la seconda analizza in modo puntuale e dettagliato le varie fasi in cui si articola il ricovero ospedaliero, fornendo altresì una breve ma esaustiva disamina delle varie figure sanitarie che vi cooperano;
la terza si focalizza sui potenziali rischi connessi alla degenza, denotando, rispetto a essi, misure di prevenzione ed eventuali soluzioni terapeutiche;
la quarta illustra, infine, una serie di argomenti variamente correlati al ricovero stesso.
Il volume è strutturato in modo tale da favorire una rapida e immediata consultazione, grazie anche all'organizzazione interna dei capitoli che presentano, in appendice, delle sezioni di approfondimento nelle quali sono forniti numerosi consigli pratici. È inoltre attivo il sito internet www.guidaricovero.it.

 

© 2017 adottauncane.net - Questo sito è dedicato a Tina, Bella e Arturo